Accompagnare i lavoratori nel percorso verso l’innovazione

Francesco Puglioli, Direttore Fondazione Terzo Millennio - Taverne

Il prossimo avvento delle tecnologie 5G annuncia il compimento di una nuova rivoluzione tecnologica. Come si debbono orientare i lavoratori in questa nuova fase di cambiamento?

La formazione è un argomento caldo in tutti i settori dell’economia, ma lo è in modo particolare in quello industriale. A breve, tutti avremo accesso alle nuove reti 5G, e molti dei cambiamenti anticipati negli ultimi anni arriveranno a compimento. Le nostre abitazioni, i nostri elettrodomestici, gli oggetti di uso quotidiano: tutto potrà essere gestito e controllato in remoto con grande facilità. Il nostro frigorifero potrà informarci su quali alimenti debbono essere acquistati, l’aspirapolvere pulirà la casa prima del nostro rientro e il riscaldamento si accenderà e spegnerà con un tocco sullo schermo del nostro smartphone, per garantirci una temperatura accogliente.

Questo però non significa che la competenza e la professionalità che hanno consentito alla produzione industriale svizzera di competere nel mondo verranno sostituite. Anzi. Alla base del prodotto “interattivo” rimarrà pur sempre il prodotto industriale. Il frigorifero che comunica tramite smartphone, non dovrà scongelarsi per la rottura di un tubo o di una guarnizione; l’aspirapolvere gestito per mezzo di un’applicazione non dovrà fondere per un guasto al motore elettrico. Si può quindi già capire che sarà la digitalizzazione a doversi innestare con precisione ed efficienza sulla tecnica tradizionale, e non potrà essere il contrario.

E un analogo processo di sviluppo dovranno saper affrontare i lavoratori che desiderano essere competitivi e, soprattutto, richiesti dal mercato del lavoro nel settore industriale, nei prossimi anni.

Sin dalla propria costituzione, nel 1994, Fondazione Terzo Millennio (FTM) è impegnata nel delicato compito di accompagnare i lavoratori dell’industria attraverso questo processo, progettando e realizzando percorsi di formazione continua, il cui primo mattone è il conseguimento di un diploma.

Per questo, FTM offre oggi ai lavoratori con un’esperienza di lavoro di almeno 5 anni, di cui 3 nel settore della meccanica industriale, l’opportunità di iscriversi al corso per il conseguimento dell’Attestato Federale di Capacità di Meccanico di produzione (AFC), proposto appunto da FTM, in collaborazione con CFP-OCST, Log-In, e la Divisione della Formazione Professionale del DECS.

Il corso, serale, in calendario dall’autunno 2019, può essere seguito parallelamente all’attività lavorativa e consente di iscriversi agli esami in programma nella primavera 2021.

Un Attestato Federale di Capacità apre le porte a ogni lavoratore per numerosissimi percorsi di sviluppo professionale, e soprattutto permette, a chi non ne aveva la possibilità, di rientrare in un percorso di carriera dalla porta principale, affrontando i prossimi anni con la piena fiducia dei propri mezzi, in un mondo industriale che sta evolvendo rapidamente verso il futuro.

Un futuro nel quale le persone saranno ancora, sempre e comunque, la risorsa fondamentale nel mondo del lavoro.

Per ulteriori informazioni potete consultarci su http://fondazioneterzomillennio.ch/formazioni-e-riqualifiche-professionali